Cannot load file /var/share/agilesitesd/html/nbd/

UBI SICAV OBIETTIVO EQUILIBRIO

PUNTA AL RENDIMENTO DEI TUOI RISPARMI CON EQUILIBRIO. 

 

UBI Sicav Obiettivo Equilibrio - classe B, a distribuzione dei proventi, è sottoscrivibile dal 12 dicembre 2017 al 06 febbraio 2018.

Il comparto è di tipo bilanciato ed è adatto agli investitori con una propensione al rischio media e un orizzonte temporale lungo (non inferiore a 5 anni), che desiderano investire in un prodotto con un’esposizione variabile ai mercati azionari e ricevere un flusso cedolare periodico.

Il comparto può investire su diverse tipologie di attività finanziarie, senza restrizioni per area geografica, settore o valuta, tenendo come riferimento il proprio benchmark. Il peso della componente azionaria può variare dal 30% al 70% del patrimonio e quella obbligazionaria può arrivare fino al 70% dei propri investimenti.

La massima diversificazione che caratterizza questo comparto in ogni contesto di mercato aiuta a gestire meglio il rischio e ad affrontare con più serenità i momenti di difficoltà dei mercati. 

Inoltre, UBI Sicav Obiettivo Equilibrio - classe B, distribuirà a marzo 2019 una prima cedola pari all’1,50% del valore iniziale. La distribuzione e l'ammontare delle 4 possibili ulteriori cedole saranno legati alla variazione percentuale del valore dell'investimento rispetto al valore di lancio1

 


PERCHÈ SOTTOSCRIVERE UBI SICAV OBIETTIVO EQUILIBRIO  
 

  • Per avere accesso alle migliori opportunità d’investimento di volta in volta disponibili sui mercati finanziari globali attraverso una gestione attiva e professionale, in un contesto caratterizzato da mercati dinamici e rendimenti contenuti.
  • Per diversificare il proprio portafoglio con una strategia bilanciata che ha l’obiettivo di far crescere il capitale investito.
  • Per avere la possibilità di ricevere un flusso cedolare annuale.

 

La sottoscrizione minima iniziale e le eventuali successive durante il periodo di collocamento sono pari a 1.000 euro.

 

1 Il dividendo da distribuire potrà anche essere superiore al risultato di gestione registrato a partire dalla data di lancio; in tal caso la distribuzione rappresenterà un rimborso parziale del capitale investito. Nei 4 anni successivi il dividendo sarà distribuito in presenza di una variazione percentuale positiva dell'investimento pari ad almeno l’1% rispetto al valore dello stesso alla data di lancio, con un massimo distribuibile del 3% annuo.